smsmezzomonte

Blog

Un biotrituratore può effettivamente essere un valido alleato nella cura e nella manutenzione di ogni tipo di giardino, o campo o appezzamento di terreno. Grazie al suo funzionamento quindi ci consente di ridurre notevolmente il volume che viene occupato da tutti quegli scarti di tipo organico che derivano dalle operazioni di taglio del prato, cespugli,o alberi di ogni genere. Inoltre ci permette di poterli riutilizzare in diversi modi, tra i più classici c’è lo spargimento degli scarti triturati sul terreno, in modo che possano facilmente decomporsi ed andare ad agire da concime per l’intero prato o campo. Ma in realtà possono essere utilizzati anche per la fabbricazione di pellet, che possono a loro volta alimentare la stufa casalinga, in modo da risparmiare non solo sullo smaltimento dei rifiuti, ma anche sull’acquisto dei pellet o di legname per il riscaldamento domestico.

Per quanto riguarda generalmente il funzionamento di un biotrituratore è possibile trovare disponibili sul mercato una serie di tipologie di biotrituratori, che possono variare in merito ad alcune caratteristiche tecniche specifiche gli uni dagli altri. Questo consente di avere macchine adatte a trattare un determinato tipo di scarti piuttosto che un altro. Scegliere con attenzione il giusto modello di biotrituratore quindi ci può permettere di trattare in modo molto più efficace i propri scarti, andando anche a ridurre i tempi necessari, evitando perciò i malfunzionamenti dello strumento ed avendo la possibilità di sminuzzare ogni tipo di scarto che venga prodotto dal proprio giardino o campo. Una delle caratteristiche più importanti che quindi dobbiamo considerare di un biotrituratore è senza dubbio il metodo per triturare e sminuzzare gli scarti. Questa variabile identifica la macchina in diverse grandi categorie e separa nettamente tutti i vari modelli di biotrituratore che troviamo disponibili in commercio. Uno dei biotrituratori più semplici è costituito da un semplice meccanismo a rulli, che hanno il compito di ridurre in maniera molto netta il volume degli scarti prodotti dal taglio di campi e giardini.